LAVORATORI AGRICOLI. Barbagallo: una buona notizia il rinnovo. Prosegue la ricostruzione del quadro dei diritti contrattuali      FISCO. Proietti: dal nuovo Governo chiediamo una svolta alla lotta all'evasione fiscale      Revisione criteri catastali e lotta all'evasione. Studio UIL - IMU TASI       LAVORO SALUTE SICUREZZA. Barbagallo: «Condividiamo molto di ciò che oggi ha detto Di Maio». Il leader della UIL commenta le dichiarazioni del vice premier      GM DONATORE DI SANGUE. Roseto: «I donatori sono una risorsa preziosa per la salute di tutti»     
Notice

Pari Opportunità - Maria Pia MANNINO

Maria Pia Mannino avvia i lavori del nuovo Comitato Nazionale di Parità del Ministero del Lavoro
minlavoro4_large.jpg

13/11/2014  | PariOpportiunità.  

La Vice Presidente Maria Pia Mannino avvia i lavori del nuovo Comitato Nazionale di Parità del Ministero del Lavoro

Alla presenza del Sottosegretario al Lavoro On. Teresa Bellanova si è insediato il Comitato Nazionale per l'attuazione dei principi di parità di trattamento ed uguaglianza di opportunità tra lavoratori e lavoratrici di cui, per i prossimi tre anni, sarà Vice Presidente Maria Pia Mannino, Responsabile Pari Opportunità e Politiche di Genere della UIL.

Alla luce di quanto è stato affermato dall’On. Bellanova e ribadito da Maria Pia Mannino, il Comitato rivestirà, diversamente dai precedenti Comitati, un ruolo politico perché più del passato, fortemente inserito nella programmazione politica del Ministero in tema di pari opportunità.

Primo banco di prova del rinnovato organismo sarà la programmazione di proposte  sul decreto delega sulla conciliazione. E le componenti del Comitato costituiscono attualmente l’unico tavolo tripartito in grado di offrire validi contributi alle politiche di genere.

Abbiamo bisogno di ridisegnare una società che in questo momento è scoraggiata  dalla crisi e dalla sempre più imponente quantità di giovani e giovani donne privi di opportunità di lavoro e, dunque,  demotivati a “sognare” progetti di vita stabili.

Nato per diffondere e integrare in ogni ambito la cultura della parità al fine di favorire la creazione di nuove opportunità per le donne nel lavoro, il Comitato deve continuare la sua missione e riportare al centro della sua attività la declinazione dell’empowerment femminile, quale base importante per la costruzione di una politica nazionale che rappresenti la parte migliore della società condensata nella definizione della democrazia agita e vissuta da ambedue i generi, fuori dagli stereotipi, fuori dalle discriminazioni, aperta all’innovazione, anche del pensiero.

ROMA 13/11/2014

 
Notice