AMIANTO. Cgil, Cisl, Uil chiedono incontro a Di Maio. Urgente atto ministeriale per erogazione prestazioni economiche del Fondo vittime amianto      PUBBLICO IMPIEGO. Foccillo: aspettiamo la convocazione del Ministro Bongiorno. Avviare la nuova contrattazione dal 2019      CNEL. Cgil, Cisl e Uil: Governo collabori con il CNEL invece di affossarlo       RAPPRESENTANZA SINDACALE. Barbagallo: verifica dei dati sulla rappresentanza sindacale? Noi siamo prontissimi      RELAZIONE ANNUALE AGCM. Barbagallo: autorità è riferimento importante per economia e mondo del lavoro     
Notice

Coordinamento Pari Opportunità

Mannino: Sosteniamo la risoluzione ONU contro le mutilazioni genitali

GIORNATA MONDIALE ONU  - Carmelo BARBAGALLO

 
onu_large.jpg

DICHIARAZIONE DI MARIA PIA MANNINO –RESPONSABILE PARI OPPORTUNITÀ UIL

Oggi, 6 febbraio è la giornata mondiale indetta dall’ONU per l’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili.

Una pratica barbara che coinvolge moltissimi Paesi nel mondo e che finora interessa circa 140 milioni di bambine.

Fin dagli anni ‘80 l’Italia è stata in prima linea contro questa barbarie e l’aumento del fenomeno migratorio ha portato anche a casa nostra una consuetudine infame, praticata clandestinamente e senza alcuna tutela sanitaria e igienica. Si calcola che nel nostro Paese sono almeno 7.000 le bambine a rischio di infibulazione.

Obiettivo comune, perciò,  deve essere la messa al bando delle mutilazioni genitali ovunque,  sostenendo con forza  la risoluzione dell’ONU, firmata lo scorso 20 dicembre.

Ci conforta il dato che stanno aumentando nel mondo le comunità contrarie a questa barbarie,  nella consapevolezza che anche le azioni più riprovevoli contro il corpo delle bambine si possono vincere. È necessario, ora,  far seguire alle parole, fatti concreti, intensificando i nostri sforzi con campagne di sensibilizzazione e sostegno economico a tutti i soggetti impegnati a contrastare questa piaga.

Roma, 6 febbraio 2013

 

INCONTRO ASSOCIAZIONE ASSAIS

L'INCONTRO E' STATO SPOSTATO A SABATO 16 FEBBRAIO

ORE 16.00 PRESSO IL CONSIGLIO DI QUARTIERE N.3 EST

Consiglio_di_Quartiere

 

CENTRI DI ASCOLTO MOBBING E STALKING UIL - Carmelo BARBAGALLO

Sono in aumento i reati di violenza domestica, sessuale e mobbing
I numeri forniti sono inquietanti
violenza1_large.jpg
28/01/2013  | Salute.  

DICHIARAZIONE DI ALESSANDRA MENELAO RESPONSABILE CENTRI DI ASCOLTO MOBBING E STALKING UIL

Durante la cerimonia dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2013 è stato messo in evidenza che sono in aumento i reati di violenza domestica, di violenza sessuale e le cause civili di mobbing. I numeri forniti sono inquietanti.

 I “centri di ascolto mobbing e stalking e per tutte le violenze” della UIL sono da sempre in prima linea per combattere tali forme di violenza e ciò ha portato evidenti risultati positivi sia per le cause penali di violenza sessuale e di stalking che per quanto riguarda le cause civili sul mobbing.

Si deve registrare che a tutt’oggi manca nel nostro Paese una legge quadro sulla violenza morale e psichica sul posto di lavoro (mobbing). Ci auguriamo che il nuovo governo risponda fattivamente e concretamente a colmare tale vuoto legislativo.

Roma, 28 gennaio 2013

 

Mannino: La UIL chiede il ripristino delle risorse finanziarie per le Pari Opportunità.

Governo ha eliminato ogni forma di sostegno alle politiche di genere.

09/01/2013  | Economia.  

L’azzeramento, all’interno del decreto 31 dicembre 2012 “Ripartizione in capitoli delle Unità di voto parlamentare relativa al bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2013 e per il triennio 2012-2015”, delle risorse finanziarie destinate al finanziamento dei progetti di azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro, è l’ultimo atto di questo Governo che, di fatto, ha eliminato ogni forma di sostegno alle politiche di genere.

Il decreto mette la parola fine ad un percorso politico importante per la valorizzazione della risorsa femminile nel lavoro, iniziato negli anni 90 con la legge 125/91, e che ha portato indubbi positivi risultati  per l’inserimento e il reinserimento delle donne nel mercato del lavoro.

L’azzeramento dei fondi destinati alle azioni positive per la parità uomo donna nel lavoro, a bando già operativo, è la pietra tombale sull’unico Comitato di Pari Opportunità  tuttora vigente nel nostro Paese perché, utilizzando le obiettive difficoltà economiche, non  solo si annullano anni in cui la questione femminile è stata centrale nel Paese, ma si va anche nella direzione  di togliere alle donne una soggettività politica che in questi anni,  tramite il Comitato, si è sempre espressa.

Roma, 9 gennaio 2013

 

LA SAGGEZZA di Bruno Ferrero

LA SAGGEZZA

C'era una volta un re che aveva passato tutta la vita a far guerre e a ingrandire il suo regno.
A sessant'anni, si rese conto che non aveva imparato molto sulla vita e sul senso dell'esistenza.
Convocò tutti i suoi ministri e consiglieri e ordinò:
"Prendete tutto il denaro dei miei forzieri e andate ai quattro angoli del mondo alla ricerca dei libri di sapienza; vorrei finalmente conoscere la vera saggezza della vita".
I consiglieri presero sacchi d'oro e sciamarono verso tutte le direzioni della terra. Tornarono dopo sette anni spingendo quaranta cammelli carichi di ogni sorta di libri grandi e piccoli. Una vera montagna di libri rari. Vedendoli, il re esclamò: "Ho sessantasette anni, non avrò mai il tempo di leggere tutti questi libri. Fatemi un riassunto di tutto!".
Furono convocati i più abili letterati del mondo che si misero al lavoro e dopo sette anni consegnarono un ottimo riassunto di tutto quel tesoro di sapienza. Ma il riassunto equivaleva ancora al carico di sette cammelli.
"Ho già settantaquattro anni" disse il re. "Non ho il tempo di leggere tutto. Riassumete ancora!".
Si fece il riassunto del riassunto. Ci vollero altri sette anni, al termine dei quali i saggi si ritrovarono con il carico di un solo cammello.
"Ho passato gli ottant'anni" disse il re, sempre più debolmente. "I miei occhi sono molto stanchi. Non riuscirei mai a leggere questi libri. Riassumete ancora!".
I saggi si rimisero al lavoro e per sette anni ancora lavorarono giorno e notte. Il risultato fu un solo libro. Un libro che conteneva tutta la saggezza della terra.
In quel momento, un valletto si precipitò dai saggi: "Presto, portate il libro al re. Sta morendo".
Il re aveva ormai ottant' otto anni ed agonizzava nel suo letto.
Il più dotto dei saggi avvicinò il volto a quello del re che in un debole soffio gli mormorò all'orecchio:" Per favore, riassumi in una sola frase tutto il sapere, tutta la saggezza del mondo...".
"Eccola, sire: Vivi il momento presente".


La maggior parte di noi non vincerà i grandi premi della vita. Non diventerà milionario, né presenterà il Festival di Sanremo, non sarà eletto presidente, néLuna_Piena vincerà il Nobel.
Ma possiamo goderci i piccoli piaceri della vita.
Una carezza sulla spalla. Un bacio sulla guancia. La luna piena.
Un posto libero in un parcheggio.
Un fuoco scoppiettante. Un bel tramonto.
Goditi le piccole delizie della vita.
Ce ne sono in abbondanza per ognuno di noi.

 Di Bruno Ferrero

 

Albero_Natale_Tramonto TANTI AUGURI

DI BUON NATALE

DAL COORDINAMENTO PARI OPPORTUNITA' UIL PADOVA

 
Notice