UIL. Strada di Palermo intitolata al sindacalista Uil, Mico Geraci. Barbagallo: «Dobbiamo onorare Mico con il nostro impegno»      NASCE PREVIDENZA COOPERATIVA. Proietti: con il nuovo fondo, migliori economie di scala a beneficio degli iscritti      PUBBLICO IMPIEGO. Partecipate: Sindacati, Regioni, Anci, Upi, definire Accordo per salvaguardia occupazione      PORTOVESME. Barbagallo: La firma dell’accordo è una vittoria dei lavoratori. Scritta una bella pagina di impegno unitario per lo sviluppo del Paese      SANITA’. Foccillo: chiediamo convocazione all'ARAN per entrare nel vivo della trattativa     
Notice

Servizi

  • ITAL   ( 2 articoli )


    ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA LAVORATORI

    Sito Nazionale www.ital-uil.it

     

     

     

  • ADOC   ( 8 articoli )


    http://www.radiovelluto.fm/public/images/stories/foto/adoc.jpg

    ASSOCIAZIONE DIFESA ORIENTAMENTO CONSUMATORI

     

  • UNIAT   ( 1 Articolo )

    uniat

    UNIONE NAZIONALE ITALIANA AMBIENTE TERRITORIO

    Sito Nazionale www.uniat.it

  • CAAF - UIL PADOVA   ( 2 articoli )


    SERVIZIO FISCALE

  • Mobbing - Stalking   ( 1 Articolo )

    SPORTELLO MOBBING E STALKING

    UIL DI PADOVA

    Il fenomeno del Mobbing: metodologie di intervento

    Lo Sportello Mobbing UIL di Padova è un ufficio aperto al pubblico da oltre tre anni, nato con la finalità di ascoltare, comprendere e offrire sostegno psicologico a quei lavoratori che ritengono di dover chiedere aiuto, perchè oggetto di violenze psichiche e sopraffazioni all’interno del proprio ambito lavorativo.

    Il primo incontro, che avviene con lo psicologo è detto di "accoglienza": è importante poiché serve a generare un clima positivo e di collaborazione tra operatore e utente, condizione basilare affinché il lavoro che si è appena iniziato possa in seguito continuare nel modo più proficuo possibile.

    Si studia per ogni persona che si rivolge allo sportello la via d’uscita più confacente alla sua situazione; generalmente però l’intervento sindacale sarà il percorso privilegiato per tentare di risolvere il caso.

    Infatti, il primo intervento del sindacato si articola nel cosiddetto “tentativo di recupero relazionale”: un delegato del sindacato va a parlare con un diretto superiore della presunta vittima di Mobbing, o con un responsabile dell’Ufficio del Personale, cercando di capire quali siano le motivazioni addotte dall’azienda.

    Se, al contrario, il “tentativo di recupero relazionale” dovesse fallire, si procede effettuando una perizia e andando a valutare se nel lavoratore è riscontrabile o meno un danno psico-fisico direttamente riconducibile alla sua difficile condizione lavorativa.

    Pertanto, se il danno dovesse essere accertato, l’utente potrebbe avvalersi di una consulenza legale, messa anch’essa disposizione dal sindacato, e cosi intentare una causa contro l’azienda che ha arrecato danno alla sua persona.

    Il Mobbing è un fenomeno trasversale che può colpire chiunque, indipendentemente dal sesso, dall’età, dal titolo di studio e dal tipo di inquadramento lavorativo.

    Diversi sono i motivi per cui il Mobbing si verifica, ad esempio: l’invidia, il razzismo, la diversità culturale o religiosa, il carrierismo sfrenato o semplicemente per il gusto di fare del male ad un’altra persona.

    Il fenomeno dello stalking: metodologie di intervento

    Lo Stalking, o sindrome del molestatore assillante, si verifica quando vengono messi in atto comportamenti ripetuti e persistenti che violano la privacy, limitano la libertà personale e impongono alla vittima contatti indesiderati. Per colpire la persona, lo "stalker" invia lettere, telefona a tutte le ore del giorno e della notte , invia messaggini, pedìna, si apposta sotto la casa della vittima o nei luoghi dove lavora o trascorre il suo tempo libero.

    I motivi che spingono lo stalker ad agire possono essere diversi: spesso l’accanimento nei confronti della vittima (in genere donna) scaturisce da situazioni di abbandono in casi di separazione o divorzio, oppure dal fatto che il molestatore non accetta di essere respinto dal quello che reputa il suo oggetto d’amore.

    Proprio come avviene per il Mobbing, così anche per lo Stalking è stato aperto uno sportello che offre un’assistenza concreta a persone colpite da tale fenomeno, e le procedure di intervento appaiono analoghe: lo psicologo interviene per primo conducendo colloqui di sostegno e di elaborazione del vissuto di violenza della vittima, oltreché compiere una perizia relativa al danno psicologico riscontrato nella persona oggetto di persecuzione. Comportamenti di minacce e di molestie possono infatti determinare nella persona offesa un “perdurante e grave stato di ansia o di paura”, ovvero un fondato timore per la propria incolumità o per quella di persone a lei vicine, e la inducono ad alterare le proprie abitudini di vita. L’intervento passa poi all’avvocato, il quale procede con un’azione legale nei confronti dello stalker. Tali abusi da parte del molestatore determinano una condotta penalmente rilevante, punita con la reclusione da sei mesi a 4 anni.

    Oltre a contrastare il reato, l’intenzione dello sportello è quella di intervenire per bloccare il fenomeno dello stalking fin dal suo inizio, al fine di preservare la vittima delle persecuzioni e da conseguenze irreversibili.

    mobsta_foto2

    Qui puoi scaricare i tre file riguardanti mobbing e stalking:

    Slide mobbing e stalking

    Slide istogramam mobbing e stalking

    Fasi di intervento sportello mobbing e stalking

  • Coordinamento Pari Opportunità   ( 75 articoli )
Notice