Incontro con il Governo, Barbagallo: cercheremo di trovare un'intesa per metà settembre. Servono risorse rilevantissime      Confronto con Confindustria, Barbagallo: il primo settembre proporremo documento condiviso su politiche del lavoro. Poi discussione proseguirà su contrattazione      ISTAT, Loy: un sospiro di sollievo, a patto che non nasconda la ripresa del “finto” lavoro autonomo      Pubblico Impiego, Barbagallo: "Il premier ha accolto le nostre sollecitazioni per più risorse nel rinnovo contratti". "Se seguiranno i fatti, sarà una svolta".      SVIMEZ, Barbagallo: evitare che i dati positivi sulla crescita del Sud rappresentino solo una parentesi     
Notice

1 MAGGIO 2015 - PADOVA

Volantino_1_maggio_2015_a

 

Volantino_1_maggio_2015_b

 

SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI E DEL LAVORO - Guglielmo LOY

Loy: Luci e ombre della nuova NASPI. I lavoratori stagionali i più penalizzati
lavoro-istat-big2648.jpg

27/04/2015  | Occupazione.  

AMMORTIZZATORI SOCIALI

NASPI: LUCE E OMBRE

PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI

CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI 1.300 EURO SI VIENE PENALIZZATI ANCHE DAL PUNTO DI VISTA PREVIDENZIALE

Dal 1° maggio con l’introduzione della NASPI 355 mila lavoratori e lavoratrici stagionali rischiano di rimetterci da 29 euro a 2.925 euro, rispetto alla vecchia indennità di disoccupazione (ASPI).

Infatti, chi prima svolgeva un lavoro stagionale di 6 mesi, spiega Guglielmo Loy - Segretario Confederale UIL - aveva diritto all’ASPI per altri 6 mesi e, con uno stipendio lordo di 1.300 euro mensili, avrebbe preso di sussidio 5.850 euro.

Ora, invece, con le nuove regole (si può usufruire del sussidio per un periodo di tempo pari alla metà dei mesi lavorati) queste persone prenderanno il sussidio soltanto per 3 mesi, per un totale di 2.925 euro (la metà di quanto avrebbero percepito con l’ASPI).

Se il lavoro stagionale è di 8 mesi l’anno, la penalizzazione è di 29 euro; mentre se la chiamata è di 3 mesi, rispetto alla mini ASPI, con la NASPI il conto è “pari”.

Ciò emerge da una simulazione del Servizio Politiche Territoriali e del lavoro della Uil, che ha calcolato gli effetti della nuova NASPI su 4 ipotesi: il lavoro stagionale, il lavoro continuo svolto da coloro che hanno un’età sotto i 50 anni, tra i 50 e i 55 anni e sopra i 55 anni.

I più penalizzati sono i lavoratori stagionali e i lavoratori sopra i 55 anni che perdono il posto di lavoro dopo 2 anni.

Infatti, chi perde il posto di lavoro e ha meno di 50 anni (considerando anche il calo del 3% dopo il terzo mese nel calcolo del sussidio) con 2 anni di lavoro, percepirà il sussidio per 12 mesi per un totale di 10.484 euro (più 1.318 euro rispetto all’ASPI); se, invece, si perde il posto di lavoro dopo 4 anni o più, si percepirà la NASPI per un massimo di 24 mesi per un totale di 17.816 euro (più 8.650 euro rispetto all’ASPI).  

Se, invece il lavoratore ha più di 55 anni, in caso di perdita di lavoro dopo 2 anni, riceverà la NASPI per 12 mesi per un totale di 10.484 euro a fronte dei 16 mesi di ASPI per un totale di 13.644 euro (ci rimetterà 3.160 euro); se, invece, perde il lavoro dopo 4 anni riceverà di NASPI (24 mesi), 17.816 euro a fronte dei 13.644 euro dell’ASPI con un beneficio di 4.172 euro.

Il nuovo strumento risulta ancor più penalizzante, ricorda Loy, per quelle centinaia di migliaia di persone che potevano essere protette dalla ”indennità di mobilità”, che invece, terminerà alla fine del 2016 e che la NASPI potrà bilanciare solo in parte.

Infine, commenta Guglielmo Loy, con la NASPI viene introdotto un tetto alla contribuzione figurativa (1.820 euro lordi mensili imponibile previdenziale) che corrisponde a uno stipendio netto di 1.300 euro mensili.

Il risultato è una nuova penalizzazione sui futuri importi pensionistici.

Decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori, che lavorano stagionalmente in importanti settori produttivi ed economici, turismo e alimentare in primis, saranno le prime vittime delle innovazioni del governo in tema di lavoro e ammortizzatori sociali.

Sono settori, con fortissima presenza femminile, che svolgono attività funzionali a produrre una parte importante del PIL in aree all’avanguardia in termini di produzione della ricchezza nazionale.

Se a questo danno si aggiunge la progressiva diminuzione di altri strumenti di protezione sociale (come la cassa integrazione in deroga) emerge con chiarezza che siamo lontani dall’annunciata volontà del Governo di allargare le tutele ai lavoratori e alle lavoratrici più deboli del paese.

Anche per questo il Governo, conclude Loy, deve riflettere sugli errori fatti e modificare in fretta una norma ingiusta e sbagliata.

--> Il documento completo è disponibile nel link sottostante.

 

EXPO - Carmelo BARBAGALLO

Barbagallo: Lavori ad EXPO rifiutati dai giovani? A noi risulta una realtà diversa
Abbiamo chiesto di fare chiarezza dopo segnalazioni pervenute da lavoratori selezionati
barbagallo_expo.jpg

24/04/2015  | Sindacato.  

DICHIARAZIONE DI CARMELO BARBAGALLO

SEGRETARIO GENERALE UIL

Abbiamo dato mandato alla nostra categoria dei lavoratori con contratti atipici, la Uiltemp, di chiedere un incontro urgente alla Manpower in merito a questa vicenda dei cosiddetti “rifiuti” a lavorare all’EXPO. A noi risulta, infatti, una situazione diversa da quella rappresentata in questi giorni.

Sono pervenute alla nostra categoria molte segnalazioni da parte di ragazzi che, nonostante l’esito positivo della selezione, non sono poi stati assunti. Così come ci risulta che sono in tanti ad ambire a questo obiettivo e che vorrebbero avere l’opportunità di cimentarsi. Dunque, è bene fare subito chiarezza su questa situazione.

Non vorremmo che si stesse facendo una sorta di propaganda ingannevole a danno di tanti giovani che, oggi più che mai, chiedono di lavorare e ai quali, invece, si continuano a offrire solo incertezze, miraggi e delusioni.  

Roma, 24 aprile 2015   

 

SCIAGURA NEL MEDITERRANEO - Carmelo BARBAGALLO

Barbagallo: L'incapacità dell'Europa di fermare questo genocidio è sconcertante
A Pozzallo chiederemo al Governo di mettere l'Europa di fronte alle proprie responsabilità
barconi-da-sbarco-big67.jpg

19/04/2015  | Sindacato.  

La sciagura avvenuta nel Mediterraneo ci lascia sgomenti. È una tragedia dalle dimensioni bibliche e il numero delle vittime evoca scenari bellici. Quelle persone cadute nei nostri mari, infatti, sono le vittime innocenti della guerra dell'indifferenza e dell'inettitudine dichiarata dal cosiddetto mondo occidentale ai paesi poveri. È sconcertante l'incapacità dell'Europa di fermare questo genocidio, di spezzare le armi degli scafisti e dei trafficanti di uomini, di predisporre un piano di accoglienza razionale, di dare vita a un progetto di aiuti che sia in grado di ridurre questi flussi migratori.


Come è noto, è già stato deciso che, quest'anno, il Primo Maggio si svolgerà a Pozzallo, proprio nei pressi di uno dei centri di accoglienza. Ancor di più ora, con questa iniziativa, siamo determinati a chiedere al nostro Governo che si faccia carico di mettere l'Europa di fronte alle proprie responsabilità. Anche noi sosterremo questa battaglia a livello europeo, coinvolgendo la Confederazione Europea dei Sindacati. Adesso basta: bisogna uscire dall'ipocrisia della costernazione e dimostrare, con i fatti, che l'Europa e l'Italia sono realtà degne di essere definite civili.


Roma, 19 aprile 2015

 

SCIAGURA NEL MEDITERRANEO - Carmelo BARBAGALLO

Barbagallo: L'incapacità dell'Europa di fermare questo genocidio è sconcertante
A Pozzallo chiederemo al Governo di mettere l'Europa di fronte alle proprie responsabilità
barconi-da-sbarco-big67.jpg

19/04/2015  | Sindacato.  

La sciagura avvenuta nel Mediterraneo ci lascia sgomenti. È una tragedia dalle dimensioni bibliche e il numero delle vittime evoca scenari bellici. Quelle persone cadute nei nostri mari, infatti, sono le vittime innocenti della guerra dell'indifferenza e dell'inettitudine dichiarata dal cosiddetto mondo occidentale ai paesi poveri. È sconcertante l'incapacità dell'Europa di fermare questo genocidio, di spezzare le armi degli scafisti e dei trafficanti di uomini, di predisporre un piano di accoglienza razionale, di dare vita a un progetto di aiuti che sia in grado di ridurre questi flussi migratori.


Come è noto, è già stato deciso che, quest'anno, il Primo Maggio si svolgerà a Pozzallo, proprio nei pressi di uno dei centri di accoglienza. Ancor di più ora, con questa iniziativa, siamo determinati a chiedere al nostro Governo che si faccia carico di mettere l'Europa di fronte alle proprie responsabilità. Anche noi sosterremo questa battaglia a livello europeo, coinvolgendo la Confederazione Europea dei Sindacati. Adesso basta: bisogna uscire dall'ipocrisia della costernazione e dimostrare, con i fatti, che l'Europa e l'Italia sono realtà degne di essere definite civili.


Roma, 19 aprile 2015

 
Notice